• /

Tra le mete più ambite San Vito lo Capo e le isole Siciliane

Offerte da non perdere in Sicilia

AGRITURISMO GIGLIOTTO last minute
Enna € 40,00
Visita Etna 2020 Agriturismo Case Perrotta
Catania € 70,00
La Rosa dei Venti Hotel
Messina € 80,00



Le Vacanze in Sicilia sono da sempre una delle mete preferite dai turisti di tutto il mondo, in particola San vito lo capo e le isole minori siciliane

La meravigliosa Spiaggia di San Vito Lo Capo è di certo volano degli enormi investimenti turistici (residence e villaggi) che stanno migliorando le offerte vacanze a san vito negli ultimi anni.
Anche le fantastiche isole minori della Sicilia sono prese d'assalto dai turisti.
Le isole siciliane, Isole Eolie, Isole Egadi, Isole Pelagie e Isola di Pantelleria possono proporsi come vere e propri luoghi per le vacanze ideali.

Vorremmo spendere due parole in più per la Perla del mediterraneo - Pantelleria.
Una volta sbarcati a Pantelleria, la prima cosa da fare è il giro dell’isola in barca. Una giornata intera per ammirare le numerose coste e spiagge in tutta la loro bellezza. La presenza di numerose calette rende agevole l’accesso al mare, limpidissimo e cristallino.

Merita una visita accurata la Montagna Grande, il cuore verde dell’isola, dove si può visitare la famosa “grotta dei briganti” e si può godere di stupendi panorami.

Abitazione tipica pantesca è il “dammuso”, con tetto a cupola e pareti in pietra, che ha tutti i comfort previsti per le case vacanze. È possibile fare immersioni subacquee, per scoprire le bellezze naturali dei fondali e vengono organizzati corsi di surf. Numerosi sono i ristoranti e le trattorie dove si mangia bene e si possono assaporare il passito e il moscato di Pantelleria
Sono stati gli Arabi durante il loro dominio, durato ininterrottamente alcuni secoli ad importare a Pantelleria il Moscato D’Alessandria, più comunemente chiamato “Zibibbo”. Da qui si è sviluppata a Pantelleria la viticoltura, ed è iniziata la produzione di uva passa e la produzione di vino.
- si puo' generare confusione tra le diciture “passito” e “moscato passito” di cui il disciplinare ne evidenzia le differenze che proviamo a spiegare.

"Moscato di Pantelleria"
colore: giallo tendente all'ambra;
sapore: dolce, aromatico di moscato;
profumo: caratteristico, fragrante, di moscato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15% di cui almeno l'11% svolto;
acidità totale minima: 4 g/l;
acidità volatile massima: 1,4 g/l;
estratto secco netto minimo: 26 g/l.

"Passito di Pantelleria"
colore: giallo dorato, talvolta tendente all'ambra;
sapore: dolce, aromatico, gradevole;
profumo: fragrante, caratteristico di moscato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 20% di cui almeno il 14% svolto;
acidità totale minima: 4 g/l;
acidità volatile massima: 1,6 g/l;
estratto secco netto minimo: 32 g/l.


Tags:





La tua opinione è importante lascia il tuo commento