Le migliori offerte per settembre in Sicilia, prenota adesso e risparmia

Dove mi consigliate di trascorrere le vacanze in Sicilia, luoghi imperdibili

Una delle domande che ci vengono rivolte più spesso è dove mi consigliate di andare in Sicilia? la risposta non è mai semplice anche perché la Sicilia è tutta caratterizzata da paesaggi mozzafiato e città incantevoli.
Tra i tanti luoghi da consigliare in Sicilia, ce ne sono alcuni, che per intensità di sensazioni trasmesse, è obbligatorio visitare almeno una volta nella vita, come i suggestivi luoghi dell’entroterra trapanese; di certo il mare è l’attrazione principale della Sicilia, ma anche le parti interne dell’isola non deludono mai, anzi fanno vivere una vacanza diversa.
Nella provincia di Trapani troviamo tutto questo il mare e un entroterra unico, ecco alcuni consigli imperdibili con le migliori offerte a Trapani e nei dintorni .

Una spa sotto le stelle - Terme di Segesta


Particolari sono le Terme di Segesta, di origine vulcanica, per una vacanza a Castellammare del Golfo, consiglio utile per chi ama i bagni termali. La leggenda racconta che l’acqua è calda per volere del dio Greco Krimisòs, che ne aumentò la temperatura per riscaldare Egesta, la ninfa fuggita dalla città di Troia. Tra le pareti rocciose le tre sorgenti termali sgorgano ad una temperatura di oltre i 45 gradi gradi. Il sito è accessibile a tutti gratuitamente, anche in orario notturno, ove è possibile vivere le sue acque, godendo degli effetti benefici e rilassanti per la cura di malattie respiratori, reumatiche ma anche della pelle.

Il Fascino dei paesi fantasma – Gibellina, Poggioreale e Scurati


Curiosità e fascino esercitano i borghi e i paesi abbandonati nella loro bellezza a seguito del terremoto del Belice, consigliati per amanti della storia.
Gibellina venne rasa al suolo e fu ricostruita a circa 20 km di distanza. Diversi artisti internazionali ne programmarono la ricostruzione, affinché attraverso l’arte si potessero riscattare le vite distrutte, rendendo la città un laboratorio a cielo aperto. Diverse installazioni si mostrano all’improvviso per le strade, sopra una collina, nei cortili, dietro le case. Tra i vari artisti Alberto Burri, che decise di conservare la memoria di quelle che erano le vie del centro storico di Gibellina vecchia, concentrando tutte le macerie della città distrutta e cementificandole in una distesa di blocchi separati da squarci pedonali che ne ricalcano la maglia originale. Rimasto incompiuto per anni, il Cretto di Burri fu completato nel 2015 ed inaugurato con la prima edizione del “Cretto Earth Fest”.
Poco distante Poggioreale, che attira ogni anno migliaia di visitatori. Il luogo è di una bellezza struggente: tutto sembra fermo al terremoto del ’68, dalle case che trasudano scorci di vita e abitudini lontane, alle scuole, alle chiese o alle piazze che rievocano la vita sociale di un piccolo centro dell’entroterra siculo di fine anni ‘60. La bellezza di questo luogo ha attirato negli anni l’interesse di diversi registi, che vi girarono alcune scene di film come Malena, La Piovra e L’uomo delle Stelle.
A Scurati, frazione del comune di Custonaci, si trova la Grotta Mangiapane, di proporzione gigantesche coperta da incisioni risalenti al Paleolitico. Al suo interno sorge un piccolo villaggio: abitazioni, botteghe, cappelle e stalle. Nel periodo natalizio viene rappresentato al suo interno un presepe vivente, che coinvolge centinaia di persone. Anche la bellezza di questo luogo fu celebrata in diverse scene di film e serie tv, tra le quali Il Commissario Montalbano.

Eventi consigliati a Trapani e dintorni


A fine Maggio a San Vito lo Capo si svolge l’edizione del Festival Internazionale degli Aquiloni: suggestivo lo spettacolo degli aquiloni pirotecnici, che fluttuando nel cielo notturno, danno vita ad un gioco di luci che ricorda i fuochi d’artificio.
Mentre a fine Luglio si accendono i fornelli di Stragusto, il Festival del cibo di strada Mediterraneo: l’antico Mercato del Pesce, nel cuore di Trapani, inebrierà di sapori ed odori ogni visitatore, in una città che si incorona per qualche giorno capitale del gusto Mediterraneo.