Vacanze in Sicilia, cosa visitare a Cefalù

Visitare Cefalù è una delle attività da mettere in agenda per una vacanza in Sicilia indimenticabile. Poco distante da Palermo, la città di mare di Cefalù offre paesaggi stupendi e straordinarie strutture che ricordano la storia del posto.

Dalla piazza Garibaldi, seguendo le indicazioni turistiche, si sale lungo una trazzera con alcuni tratti a gradini che si va facendo sempre più ripida. Lungo il tragitto si incontrano resti della cinta muraria di Kephalodion, come veniva chiamata nel passato Cefalù. Si giunge infine ad un cancello; poco oltre, attorniato da giovani pini, eucalipti e da una folta prateria di acanto e finocchio selvatico, sorge il Tempio di Diana.

Il Tempio di Diana di Cefalù del VI secolo a.C. è un recinto poligonale di grossi blocchi megalitici con un unico portale sovrastato da un'architrave finemente scolpita, probabilmente testimonianza di un successivo restauro in età romana; quel che resta dell¹abside di una delle chiesette bizantine che sovrastavano il tempio fa pensare ad una originaria funzione sacra o anche, data la sua posizione, difensiva.

Giungendo infine in cima alla Rocca si trovano i ruderi del castello medioevale di Cefalù (XII sec.) unito alle mura merlate di età bizantina che circondano tutto il perimetro del pianoro e da dove si gode di un ampio panorama sulla città di Cefalù con il celebre duomo e, nelle giornate migliori, tutti i dintorni da Monte Pellegrino a Capo d'Orlando.

È d'obbligo al ritorno un giro sull'interessante centro storico di Cefalù e una visita al Museo Mandralisca (vicino piazza Duomo) dove si trovano una collezione malacologica di oltre cinquecento spece provenienti da tutto il mondo e, tra le altre cose, il famoso Ritratto di ignoto di Antonello da Messina.

Vacanze 2017 in Sicilia, offerte imperdibile per l'estate nel mare più suggestivo del mediterraneo